Riattivare il percorso originario delle Lame nella zona ASI: unica risposta sostenibile ed efficace per contrastarne il rischio allagamenti

 

Lo scorso 6 agosto si è tenuta presso l’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia una Conferenza di Servizi che ha visto la partecipazione di rappresentanti del consorzio Area di Sviluppo Industriale (ASI) e del Comune di Molfetta. Oggetto della conferenza l’approvazione del progetto di mitigazione del rischio idraulico risultante dalla decisione – presa nella precedente Conferenza di Servizi del 3 settembre 2012 – di integrare funzionalmente due progetti distinti: quello che l’ASI – con un costo, a oggi, di 90.000 euro – aveva elaborato a protezione dell’insediamento di Molfetta e quello, adeguatamente modificato, che il Comune di Molfetta aveva immaginato a protezione della ancora da realizzare nuova zona artigianale (PIP3): una sorta di “piano B” vista la piega sfavorevole che stava prendendo il ricorso contro il PAI che l’amministrazione Azzollini aveva intentato presso il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche (Tsap).

Il progetto originale del Comune di Molfetta, ricordiamo, prevedeva la creazione di un canale capace di intercettare l’eventuale onda di piena della lama Scorbeto per scaricarla nella dolina “Gurgo” a poche centinaia di metri dal Pulo. Scartata questa ipotesi progettuale – non per la sua evidente assurdità paesaggistica quanto per la insufficienza del “Gurgo” a contenere i volumi idrici previsti – l’ amministrazione Azzollini aveva chiesto al corsorzio ASI di integrare funzionalmente i due progetti in modo da convogliare la “mena” della Scorbeto nel cosiddetto “canale di gronda” progettato dall’ASI con sbocco a Cala San Giacomo, in cui confluirebbero anche i rami destinati a intercettare le eventuali piene di Lama dell’Aglio, canale Savorelli e Lama Marcinase, le lame cioè che una volta attraversavano il territorio ASI e che oggi sono minacciosamente interrotte ai suoi confini.

L’unificazione dei due progetti fu allora presentata come una soluzione razionale a un problema che l’insediamento ASI e la nuova zona artigianale avrebbero in comune. Si trattava invece di un raggiro ideologico: con l’unificazione dei progetti si asserisce implicitamente che le due aree condividano simili condizioni di rischio, mentre non è affatto così.

La zona ASI è stata realizzata quasi vent’anni fa in totale spregio delle emergenze geomorfologiche e paesaggistiche, ignorando le segnalazioni e gli allarmi che il circolo cittadino di Legambiente non ha mai mancato di lanciare a Enti preposti, attori politici e opinione pubblica: quando è stata invitata alle Conferenze di servizi ha chiesto ripetutamente di sottoporre la proposta del canale di gronda a Valutazione di Impatto Ambientale, procedura non obbligatoria per come è stato riproposto il progetto (eliminazione delle vasche di accumulo) ma comunque opportuna visto l’impatto negativo sul territorio. Sembra strano che, invece, Legambiente Puglia non sia stata invitata all’ultima Conferenza dei servizi indetta dalla Regione.

Con il suo progetto di mitigazione del rischio idrogeologico l’ASI cerca di rispondere a una situazione gravissima, creata dal nulla dall’ottusità di processi decisionali opachi e insensati. Ma anche se lo fa proponendo un piano altrettanto devastante dal punto di vista paesaggistico quanto opaco sotto quello dei processi decisionali, non vi è alcun dubbio che il rischio idrogeologico per la zona ASI sia un fatto reale. Al contrario il progetto a protezione del futuro PIP3 servirebbe a evitare un rischio del tutto virtuale, perché del futuro insediamento ancora non è stato realizzato nulla: né capannoni, né infrastrutture.

Quasi che vent’anni di presa di coscienza sulla funzione delle lame e sulla importanza identitaria – e quindi economica! – del paesaggio fossero passati invano, l’amministrazione Azzollini aveva progettato un’opera devastante non per evitare un rischio esistente, ma per poter realizzare un’altra desolante colata di cemento non solo inutile ma addirittura dannosa sotto ogni aspetto economico: perché, bisogna dirlo con chiarezza, anche se ci fosse bisogno di nuovi insediamenti produttivi (cosa tutta da dimostrare) non esistono ragioni per realizzarli proprio lì, costringendo i contribuenti a farsi carico anche dei costi per i lavori necessari a ridurre il rischio idraulico. E non esiste nessuna ragione economica – sono anni che Legambiente chiede che venga mostrato uno straccio di progetto economico a giustificazione del piano – per realizzare i due tanto osannati grattacieli, ciascuno di 80metri di altezza, tanto vicini all’area archeologica del Pulo che risulterebbero visibili dall’interno della dolina.

Non è che il canale di gronda progettato a protezione dell’ASI sia un’opera meno insensata: deve essere chiaro che non servirà affatto a ridurre gli allagamenti che si verificano nella zona industriale a ogni acquazzone: il canalone, largo venticinque metri e profondo tre che eliminerà 5.000 alberi produttivi, scaverà 359.000 m3 di terra e roccia, occuperà 164.000 m2 di suolo agricolo, si allungherà per la nostra campagna per quasi 10 km – ricettacolo elettivamente perfetto per ingoiare ogni schifezza prodotta nel raggio di decine di chilometri – ma si manterrà sempre ben alla larga dal territorio dell’ASI. In compenso sconvolgerà il reticolo di strade vicinali e l’accesso ai fondi, interromperà le condotte già realizzate per il riutilizzo in agricoltura dell’acqua a bassa qualità (acque reflue depurate), costringerà a spostare i tralicci per le linee elettriche e telefoniche, il tutto per la cifra stimata al ribasso di circa 25 milioni di euro. Quest’opera imponente quanto devastante servirà solo a impedire eventi disastrosi che una eventuale piena proveniente dalla Murge potrebbe provocare alla zona industriale, sempre che il possibile deposito di rifiuti, nel frattempo scaricati abusivamente all’interno del canalone, non ne abbiano compromesso la funzionalità.

L’integrazione in un unico progetto dei due tronchi consente anche di confondere provenienza e destinazione dei finanziamenti.

Il tronco a protezione dell’ASI ha ricevuto un primo finanziamento CIPE da 8 ml di euro e un secondo più recente da Puglia Sviluppo di 6 ml che non sono finalizzati né al progetto in questione né più genericamente a opere di mitigazione del rischio idrogeologico, bensì a miglioramenti infrastrutturali in genere ma sempre relativi alla zona ASI. Il ramo comunale verrebbe finanziato da fondi propri – chissà poi da dove si dovrebbero andare a prendere – per circa 1,5 milioni di euro, cifra decisamente insufficiente. L’integrazione dei due progetti sembra voler consentire non solo di spostare i finanziamenti che dovrebbero servire a protezione della zona ASI a protezione del PIP3, ma addirittura di dare la precedenza sul resto del progetto.

Una Amministrazione Comunale consapevole del grande valore economico e paesaggistico della nostra campagna:

· dovrebbe rinunciare al piano di mitigazione del PIP3, non essendo in alcun modo accettabile che si scelga di ridurre in via preventiva un rischio che ancora non esiste

· dovrebbe rivedere fabbisogno, localizzazione e criteri di assegnazione dei lotti della nuova zona artigianale: non tutta l’area è soggetta a rischio e la parte sicura potrebbe essere assegnata; e nell’improbabile caso che restassero altre richieste si potrebbe immaginare un protocollo d’intesa con l’ASI, che dispone di innumerevoli capannoni e aree non utilizzate (completando il Censimento da noi richiesto al Comune nell’aprile del 2012), evitando però che questo possa diventare una scusa per una ulteriore espansione a valle della ferrovia nell’area di pertinenza dell’Oasi di protezione di Torre Calderina per la quale vanno previsti diversi scenari di tutela e valorizzazione.

Una Amministrazione Comunale che ha fatto del “consumo zero di suolo” una delle parole d’ordine della sua campagna elettorale dovrebbe dire a chiare lettere che il canale di gronda non potrà mai essere realizzato perché del tutto incompatibile con le norme a difesa del paesaggio e soprattutto con la visione politica che i molfettesi hanno scelto votando come sindaco Paola Natalicchio, invitando caldamente il consorzio ASI a pensare, in collaborazione con l’Ufficio Tecnico Comunale, un piano di riedificazione ambientale che vada nella direzione di riattivare il corso originale delle lame.

E infine dovrebbe respingere al mittente le eventuali accuse di chi dovesse sostenere che rifiutando questi progetti non si vuole lo sviluppo economico della nostra città: a non volere lo sviluppo sono coloro che vogliono devastare la campagna e ridurla a discarica.

L’ “opzione zero” – quella per cui si rifiuta un’opera pubblica perché foriera di danni maggiori dei vantaggi previsti – opzione prevista in tutte le procedure autorizzative – è un baluardo contro l’irrazionalità e l’arbitrio: senza, saremmo costretti a veder realizzare qualunque cosa abbia avuto la ventura di ricevere un finanziamento dal concorso di qualche politico e di qualche burocrate a cui non è venuto in mente altro modo per spendere i soldi pubblici che quello di fare la felicità delle solite ditte specializzate nel movimento terra e nel ciclo del cemento.

Ancora una volta, come già successo nella vicenda del porto, rischiamo di assistere alla attivazione di un meccanismo consolidato che con una serie di passi apparentemente corretti applica leggi e regolamenti stravolgendo completamente l’intento del legislatore, devastando il territorio e compromettendo la qualità della vita dei cittadini e la loro salute in nome di uno “sviluppo” soltanto immaginario.

Infine un appello all’Amministrazione Natalicchio: opere di questa portata meritano di essere ampiamente conosciute dall’opinione pubblica. Tutti i portatori di interesse devono potersi pubblicamente confrontare al fine di redigere uno schema che metta a confronto danni e benefici. E questo confronto non può non avvenire che nella piena visibilità garantita dai luoghi deputati al pubblico confronto quali il Consiglio Comunale e il Forum di Agenda XXI.

 

 

Molfetta, 4 maggio 2012

Comunicato Stampa

 

Rischio idrogeologico: udienza finale

Il 14 maggio udienza presso la Cassazione a Sezioni Unite per discutere il ricorso del Comune di Molfetta dopo la bocciatura da parte del Tribunale superiore delle acque

Legambiente: “La pervicacia del Comune di Molfetta nel tentativo di nascondere il rischio idrogeologico è preoccupante. I sei candidati alla carica di sindaco dicano chiaramente da che parte stanno”.

Che Molfetta sia a rischio idrogeologico è ben noto. Naturalmente non basterebbe l’evidenza empirica, che pure è sotto gli occhi di tutti e che, ad ogni pioggia, conferma il fatto che in ampie zone della città gli equilibri idraulici siano del tutto saltati.

Il fenomeno, ben più nel dettaglio, è stato studiato dall’Autorità di Bacino, confermato dal Tribunale superiore delle Acque (sentenza n. 19/2012) e riconosciuto anche dal Comune di Molfetta e dal Consorzio ASI, ora congiuntamente all’opera per redigere un progetto di mitigazione del rischio (costo del progetto: 25milioni di euro).

Eppure, a fronte di una tale criticità, appare preoccupante e inquietante il tentativo degli attuali amministratori di aggirare il problema, magari allo scopo di perseverare negli errori del passato. Oggi, infatti, si riaffaccia il rischio che, per cavilli tutt’altro che sostanziali, la Cassazione annulli la sentenza del Tribunale delle Acque e cancelli – formalmente – le criticità idrauliche di Molfetta.

Sta per giungere a definizione il processo di appello promosso dal Comune di Molfetta contro l’Autorità di Bacino della Puglia, che è sostenuta invece da Legambiente; obiettivo dell’appello è contrastare la sentenza del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche che aveva già accolto completamente le difese di Legambiente e dell’Avvocatura dello Stato.

Il 14 maggio prossimo avrà luogo probabilmente l’ultima tappa del lungo iter giudiziario. La discussione, questa volta, avverrà dinanzi alle Sezioni Unite della Cassazione che dovranno decidere se la sentenza del Tribunale delle Acque ha correttamente valutato l’operato dell’Autorità di Bacino della Puglia.

Legambiente – difesa dall’Avv. Rosalba Gadaleta con il supporto tecnico del Prof. Vito Copertino –

sarà ancora una volta in prima linea nella difesa del territorio, a tutela dell’ambiente e dei cittadini. Il Comune di Molfetta, invece, pervicacemente, insisterà nel chiedere l’annullamento degli atti che hanno fotografato il rischio idraulico: e, questo, nonostante lo stesso Comune abbia in questi anni ridefinito i comparti edilizi interessati dalla presenza delle lame in modo da stralciare le aree più a rischio, con ciò dimostrando che è necessario e possibile effettuare una pianificazione che tenga conto delle emergenze idrauliche, ambientali e paesaggistiche.

Legambiente, oggi come nel 2009, è fortemente convinta che l’Amministrazione preposta alla tutela del vincolo idrogeologico debba esprimere il proprio parere secondo princìpi di precauzione, indicando le condizioni di sicurezza del territorio e dei cittadini, per evitare che il rischio idraulico possa aumentare e facendo in modo che le lame continuino a svolgere la loro funzione.

Le conoscenze acquisite con i moderni strumenti di indagine del territorio vanno messe a frutto affinché, con un’attenta attività di manutenzione, si possa mitigare il rischio, senza ricorrere ad atti di ulteriore cementificazione del territorio con infrastrutture che avrebbero impatti devastanti per il paesaggio, per il consumo di suolo e per l’enorme costo economico (cfr scheda allegata).

È auspicabile che tali conoscenze divengano patrimonio comune perché amministratori, tecnici e cittadini acquistino coscienza delle potenzialità del territorio e delle sue fragilità. Se, infatti, passassero l’idea e la nozione giuridica che il rischio idrogeologico è un fattore aggirabile, si imporrebbe una visione di città ancora più refrattaria alle regole e si produrrebbe un colpevole vulnus ai danni della salvaguardia e dello sviluppo futuro di Molfetta.

Chiediamo, pertanto, ai sei canditati alla carica di sindaco di prendere posizioni chiare in merito e di spiegare alla città che tipo di azioni intendono perseguire a seguito della sentenza della Cassazione.

Il Circolo Legambiente di Molfetta

(347.8544583)

Gli aspetti salienti della vicenda

Con sentenza n. 19/2012 il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche (TSAP) ha respinto il ricorso, proposto dal Comune di Molfetta, per l’annullamento della delibera n. 11/2009 con cui il Comitato istituzionale dell’Autorità di Bacino della Puglia (AdBP) ha approvato la perimetrazione di vaste aree, nel territorio comunale di Molfetta, ad alta pericolosità idraulica, evidenziando situazioni di rischio aggravate dalla edificazione intensa e disorganica degli ultimi decenni.

Un rischio idrogeologico, questo, non solo dovuto alle caratteristiche fisiche del territorio, ma anche indotto da una gestione sbagliata dello stesso, dovuta all’approvazione di Piani che hanno visto sempre più soffocata l’integrità del suolo cittadino. Una storia emblematica è quella dei Piani per Insediamenti Produttivi (P.i.p.) che a Molfetta inizia nel lontano 1976 e prosegue sino ai nostri giorni e vede, a partire dal 2000, un grande avversario: il Piano di assetto idrogeologico (PAI) che, approvato dal Comitato istituzionale dell’AdBP, riporta cartografie che perimetrano aree ad alta, media e bassa pericolosità idraulica riguardanti anche il territorio di Molfetta.

Con la sentenza n. 19 del 2012, il TSAP ha respinto tutti i motivi di ricorso, confermando il lavoro svolto dall’AdBP, giudicato coerente ed accurato, mentre l’istruttoria svolta dal C.T.U. ha ritenuto non condivisibili le obiezioni tecniche sollevate dal Comune e dai suoi consulenti confermando, di contro, la notevole accuratezza con cui l’AdBP ha proceduto all’analisi del territorio in esame.

 

Consorzio ASI BARI, il progetto di mitigazione del rischio idraulico

 

 

 

 

 

Rischio allagamenti in zona ASI: la cura è peggiore della malattia

 

 

Esprimiamo forte preoccupazione per la realizzazione delle opere di mitigazione idraulica finanziate per 14 milioni di euro dall’Accordo di Programma Quadro sottoscritto il 26 luglio tra Regione Puglia e Ministero dello Sviluppo Economico.

Infatti il “canale di gronda” (vedi cartina allegata) finanziato prospetta una pessima soluzione tecnica: una nuova e massiccia invasione di cemento a danno di terreni destinati a produzioni agricole di pregio a monte dell’area industriale.

Avevamo già proposto da gennaio di quest’anno che un rimedio per mitigare il rischio di allagamento consisteva nell’adeguare le precarie tombinature che in zona ASI attraversano le infrastrutture stradali, quelle di servizio ma anche quelle più importanti come la strada statale 16 bis, la linea ferroviaria adriatica e la statale 16, e ripristinare il percorso della lama, a valle di ciascuna infrastruttura, fino alla foce a mare, che pure andrebbe ripristinatadichiara Cosimo R. Sallustio, presidente del Circolo Legambiente di Molfettauna verifica di questi interventi di adeguamento e manutenzione andrebbe effettuata consultando le elaborazioni disponibili dell’Autorità di Bacino e le relative ed ancora valide prescrizioni contenute nel PAI”.

La funzione ambientale, morfologica, paesaggistica e naturale di tutte le lame del territorio comunale può, inoltre, essere salvaguardata o ripristinata nei tronchi di monte di ciascuna, anche a monte dell’autostrada A14, mantenendovi i percorsi attuali e le coltivazioni esistenti, e impedendo, qualunque intervento edilizio nelle aree delimitate dal PAI come aree inondabili.

Contro la proposta di artificiali canali deviatori di piena, occorre affermare la tutela e valorizzazione della naturalità di tale sistema di lame, in integrazione con il sistema di doline ivi insistenti e, in particolare, con l’eccezionale laboratorio di biodiversità e di storia che il Pulo tutt’ora rappresenta.

“Si tratta di un ulteriore ecomostro dall’impatto ambientale irreversibile: ben 5.000 gli alberi che saranno divelti, 359.000 i m3 di terra e roccia da scavare, 164.000 i m2 di suolo occupati, quasi 25 milioni di euro il costo da sostenere - precisa Massimiliano Piscitelli, presidente del comitato scientifico di Legambiente Puglia - la più efficace misura di mitigazione è non alimentare il rischio idraulico ripensando tutte le costruzioni previste nelle lame e nelle aree inondabili perimetrate dall’Autorità di Bacino con un’oculata pianificazione urbanistica che tenga conto degli aspetti idraulici e paesaggistici. Questo devastante intervento di mitigazione del rischio idraulico va completamente ripensato nel rispetto del valore straordinario del nostro territorio, dalla fascia costiera alla campagna”.

 

Da ultimo bisogna considerare che questo progetto prevede che tutti gli scarichi convergeranno verso Cala San Giacomo e che i vincoli idrologici che si verrebbero a costituire secondo quest’assetto ostacolerebbero una futura riqualificazione dell’unica insenatura a ponente della nostra città, da troppi anni lasciata in una inaccettabile condizione di degrado. Cala San Giacomo costituisce un elemento cardine per poter attuare una strategia di recupero dell’intero litorale tra Molfetta e Bisceglie e perciò una sua compromissione produrrebbe effetti negativi che si ripercuoterebbero su tutta questa fascia costiera.

 

Al nuovo Sindaco, alla Giunta e al Consiglio comunale il circolo Legambiente chiede qualI scelte operative intendano perseguire per garantire la sicurezza, la tutela del territorio e del suolo, preziosa risorsa non rinnovabile, a partire dalla urgente messa in sicurezza dell’abitato: il consumo di suolo non è più sostenibile e Legambiente chiede che sia definitivamente arginato. Infine occorrerà in tempi brevi procedere con l’adeguamento del PRG al PUTT.

Nelle immagini che seguono: Rischio idraulico a Molfetta e Planimetria di progetto delle opere di mitigazione del rischio idraulico in zona Asi e Pip

 


 

 

Quali SCELTE URBANISTICHE per Molfetta:

Legambiente presenta le sue idee per la città dei prossimi anni.

Venerdì 18 Gennaio, dalle 18.30 presso la sala Turtur nel centro storico di Molfetta, il circolo Legambiente presenterà i suoi orientamenti che dovrebbero essere posti alla base della redazione del futuro Piano Urbanistico Generale.

Questa iniziativa prosegue il confronto che Legambiente ha avviato con la città già dopo la storica sentenza del Tribunale Superiore della Acque che, lo scorso anno, ha condannato il Comune di Molfetta al rispetto delle prescrizioni indicate dalla Autorità di Bacino in tutti i documenti urbanistici cittadini.

Dopo quella sentenza, invece, l’ultima Giunta Comunale ha proseguito le sue scelte urbanistiche di cementificazione del territorio attraverso l’emanazione, tra l’altro, di un nuovo piano dell’agro, delle adozioni del “maxi comparto” e del comparto 18 consentendo, in quest’ultimo caso, la prematura eliminazione della vegetazione esistente in quei luoghi.

“Le scelte urbanistiche di Legambiente” afferma il presidente del circolo Cosimo R. Sallustio “tengono conto, oltre che dalle prescrizioni dell’Autorità di Bacino, anche dei dati oggettivi del territorio, dell’economia e della popolazione di Molfetta; l’obiettivo, per noi, sarà quello di evitare la riproposizione delle errate previsioni espansionistiche dei due precedenti Piani Regolatori e lasciare il posto a scelte che riportino in agenda il blocco del consumo di suolo, il miglioramento della qualità della vita, interventi di riqualificazione del centro abitato e la realizzazione di servizi necessari ai cittadini ma a, tutt’oggi, assenti in molte zone della città”.

Legambiente, anche in vista delle prossime elezioni comunali, chiede ai partiti, ai movimenti ed ai candidati sindaci un confronto chiaro su queste opzioni di governo del territorio alternative alle scelte sino ad ora adottate da chi ha governato la città.