Bari, 24 maggio 2012

Operazione ‘Dirty Water’: sequestrati 4 depuratori

Legambiente plaude al lavoro della Procura di Trani,

che ha coordinato Guardia di Finanza di Barletta e Capitaneria di Porto di Bari

“Legambiente -dichiara Francesco Tarantini, Presidente Legambiente Puglia- esprime viva soddisfazione per il sequestro probatorio di quattro depuratori delle acque reflue di Molfetta, Trani, Barletta e Andria, eseguito dalla Guardia di Finanza di Barletta e dalla Capitaneria di Porto di Bari, coordinati dalla Procura di Trani”.

Quattro impianti di depurazione delle acque reflue di Molfetta, Andria, Barletta e Trani sono stati sequestrati da militari della Guardia di Finanza di Barletta e della Capitaneria di Porto di Bari nell'ambito dell'operazione 'Dirty Water', coordinata dalla Procura di Trani. A 21 persone sono stati notificati altrettanti avvisi di garanzia poiche' si sarebbero resi responsabili di sversamento incontrollato nelle acque superficiali marine vicine alla costa di fanghi di depurazione, considerati rifiuti speciali, e di acque non depurate con valori chimico-biologici superiori a quelli fissati dalla legge determinando così la deturpazione delle aree marine e dei tratti costieri, oltre che la frode nell'esecuzione dei contratti per l'inadempimento degli obblighi contrattuali a carico delle società e dei loro rappresentanti legali, incaricati della conduzione, manutenzione, controllo e custodia degli impianti. Negli impianti venivano depositati i fanghi senza autorizzazione e in modo incontrollato e da società non iscritte all'albo nazionale. L'attività illecita era finalizzata, secondo la Procura, a conseguire un ingiusto profitto derivante dall'abbattimento dei costi di gestione con ulteriore danno derivante dalla non corretta stabilizzazione dei fanghi con l'avvio degli stessi al compostaggio anziché in agricoltura.

Ben venga questa operazione alle porte dell’estate – continua Tarantini – proprio nel 2011, il Comune di Trani si impose nel libro nero di ‘Goletta Verde’: infatti, il campionamento realizzato presso lo scarico di fogna che insiste sotto l’arco nei pressi della Villa Comunale riportava valori di inquinamento microbiologico talmente alti da risultare non quantificabili. L’operazione ‘Dirty Water’ non fa che confermare la necessità di una maggiore attenzione e controllo sul fronte della depurazione delle acque e della tutela delle nostre coste”.

Anche quest’anno Goletta Verde, la campagna di Legambiente sullo stato di salute del mare e delle coste farà tappa in Puglia. Tra le tappe previste anche quella nella provincia di BT a Trani per fine luglio.